Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Home.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Chi_Siamo.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Linee_Guida.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Scheda_Paese.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Dove_Siamo.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_News.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_PT.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_EN.gif

 


 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Settori.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Buon_Gov.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Educazione.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Sanita.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Svi_Rurale.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_S_Emergenza.gif

 

NEWS

26 luglio 2017

Avviso per la selezione di un/a Segretario/a Esecutivo/a

La Sede Estera di Maputo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo cerca un/a Segretario/a Esecutivo/a nell’ambito del programma “Sostegno al Bilancio dello Stato”.

 

Profilo: Segretario/a Esecutivo/a

Sede di lavoro: Maputo (con possibili missioni negli altri paesi della regione)

Programma: Sostegno al Bilancio dello Stato

Durata: 12 mesi

Retribuzione mensile: l’esatto ammontare sarà determinato sulla base delle caratteristiche del candidato selezionato e delle risorse finanziarie disponibili

Inizio: a conclusione della procedura di selezione

Scadenza per la presentazione delle candidature: 09/08/2017 – ore 12:00 (orario di Maputo)

 

Avviso per la selezione

 

 

25 luglio 2017

Avviso di annullamento annuncio per la selezione di un/a Segretario/a Esecutivo/a

 

La Sede Estera di Maputo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo comunica che l’Avviso per la selezione di un/a Segretario/a Esecutivo/a nell’ambito del programma “Sostegno al Bilancio dello Stato” pubblicato in data 10 luglio 2017 è stato annullato e si provvederà ad emanare un nuovo bando rettificato.

 

10 luglio 2017

Avviso per la selezione di un/a Segretario/a Esecutivo/a

 

La Sede Estera di Maputo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo cerca un/a Segretario/a Esecutivo/a nell’ambito del programma “Sostegno al Bilancio dello Stato”.

 

Profilo: Segretario/a Esecutivo/a

Sede di lavoro: Maputo (con possibili missioni negli altri paesi della regione)

Programma: Sostegno al Bilancio dello Stato

Durata: 12 mesi

Retribuzione mensile: l’esatto ammontare sarà determinato sulla base delle caratteristiche del candidato selezionato e delle risorse finanziarie disponibili

Inizio: a conclusione della procedura di selezione

Scadenza per la presentazione delle candidature: 14/07/2017 – ore 12:00 (orario di Maputo)

 

Avviso per la selezione

 

06 luglio 2017

Avviso per la selezione di un Collaboratore esperto in informatica e in gestione di programmi di cooperazione

 

La Sede Estera di Maputo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo cerca un Collaboratore esperto in informatica e in gestione di programmi di cooperazione.

 

Profilo: Collaboratore esperto in informatica e in gestione di programmi di cooperazione

Sede di lavoro: Maputo (con possibili missioni negli altri paesi della regione)

Programma: Sicurezza reti informatiche

Durata: 12 mesi

Retribuzione mensile: Adeguato ad esperienza e capacità del candidato vincitore, fino a un massimo di 60.000 euro annui lordi onnicomprensivi

Inizio: a conclusione della procedura di selezione

Scadenza per la presentazione delle candidature: 01/08/2017 – ore 12:00 (orario di Maputo)

 

Avviso per la selezione

Dichiarazione sostitutiva di certificazione

 

05 maggio 2017

Avviso per la selezione di un Team Leader con responsabilità amministrativa per il Progetto “Conservazione e uso equo della biodiversità nella regione SADC”

 

L’Unità di Gestione del Progetto “Conservazione e uso equo della biodiversità nella regione SADC”, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e realizzato attraverso una collaborazione dell’Università Sapienza di Roma e dell’Università Eduardo Mondlane di Maputo con i rispettivi dipartimenti di biologia, vuole contrattare: un Team Leader con la responsabilità amministrativa dei fondi in loco.

 

Profilo: Team Leader (dell’Unità di Gestione del progetto a Maputo)

Sede di lavoro: Maputo (con possibili missioni negli altri paesi della regione)

Programma: Conservazione e uso equo della biodiversità nella regione SADC

Durata: fino al 31 Gennaio 2018

Retribuzione mensile: Il compenso verrà calcolato in rapporto al livello formativo e di esperienza del selezionato/a, in relazione ai limiti e alle tabelle istituzionali definiti all’art.11, 6 della delibera n. 220 of 2013 del Ministero degli esteri e Cooperazione allo Sviluppo

Inizio: a conclusione della procedura di selezione

Scadenza per la presentazione delle candidature: 25/05/2017 – ore 12.00 (orario di Maputo)

 

Link all’Avviso per la selezione

 

 

24 aprile 2017

Africa australe (Mozambico e Swaziland): Avviso per l’affidamento della realizzazione dell’iniziativa “Sviluppo rurale in Mozambico e Swaziland”. Componente A del programma “Mitigazione degli effetti della siccità causati da El Niño nei Paesi dell’Africa Australe per rafforzare la resilienza delle comunità beneficiarie – AID 10862”

 

L’Avviso è destinato all’individuazione degli enti esecutori di due progetti facenti parte dell’iniziativa “Sviluppo rurale in Mozambico e Swaziland”. L’avviso è stato redatto in conformità al documento “Condizioni e modalità per l’affidamento di iniziative di cooperazione allo sviluppo ad organizzazioni della società civile e altri soggetti senza finalità di lucro iscritti all’elenco di cui all’Articolo 26, comma 3, della Legge 125/2014” approvato dal Comitato Congiunto con delibera n. 8 del 20 febbraio 2017, che disciplina le procedure comparative pubbliche per l’affidamento di iniziative di cooperazione allo sviluppo formulate dall’AICS alle Organizzazioni della società civile e ad altri soggetti senza finalità di lucro  iscritti all’Elenco, ai sensi dell’art. 26, comma 4, della Legge e dell’art. 19 dello Statuto, in linea con la normativa vigente e con i principi stabiliti dall’Unione europea per i GRANT nell’ambito della PRAG

 

L’iniziativa coinvolgerà due Paesi: Mozambico e Swaziland.

 

Le proposte esecutive dovranno essere presentate dagli organismi proponenti secondo le modalità previste nell´Avviso.

 

Scadenza per l’invio delle domande:  entro e non oltre, a pena di esclusione, le ore 16.00 (ora di Maputo) del 11 giugno 2017.

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare: maputo@pec.agenziacooperazione.gov.it dando sempre  comunicazione dell’avvenuta spedizione, con separata e-mail, al seguente indirizzo:

 coordinamentoemergenzamaputo@gmail.com

 

Il testo completo dell’Avviso e gli allegati possono essere scaricati dall’elenco che segue.

 

1.         Avviso per l’affidamento

2.         A1. Modello di Proposta esecutiva

3.         A2. Piano Finanziario

4.         A3. Modello di Dichiarazione sostitutiva di certificazione

5.         A4. Griglia di valutazione

6.         A5. Comunicazione dati antimafia

7.         A5bis. Schema controlli antimafia

8.         A6. Garanzia fideiussoria anticipo

9.         A7. Modello di contratto

10.      A8. Dichiarazione di esclusività

11.      A9. Modello Rapporto intermedio e finale

12.      A10. Manuale di gestione e rendicontazione

13.      A11a. Modello di rendiconto

14.      A11b.Chiarimenti rendicontazione

15.      A12. Modello di Piano Operativo

16.      FAQ – Domande Frequenti

 

24 aprile 2017

Avviso per la selezione di personale da assumere in loco con contratto a tempo determinato presso la sede estera di Maputo dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo indice una procedura di selezione per titoli e colloquio di un (1) Esperto di sviluppo socioeconomico con contratto in loco da stipulare con la Sede AICS di Maputo per la durata di 12 mesi rinnovabili.

 

Profilo: Collaboratore esperto in sviluppo socioeconomico

Sede di lavoro: Maputo, Mozambico

Tipo di contratto: Contratto disciplinato dal diritto locale

Durata de contratto: 12 mesi rinnovabili

 

Compenso: Adeguato ad esperienza e capacità del candidato vincitore e commisurato alle retribuzioni riconosciute congrue e ammissibili per attività analoghe presso la sede AICS di Maputo

Inizio incarico: Disponibilità immediata al termine del processo di selezione

Scadenza per la presentazione delle candidature: ore 12.00 (CET) del 10 maggio 2017

Link all’Avviso per la selezione

 

 

28 marzo 2017

BANDO DI BORSE DI STUDIO OFFERTE A STUDENTI STRANIERI O CITTADINI IRE DAL GOVERNO ITALIANO Anno Accademico 2017/2018

 

Le borse di studio sono indirizzate a studenti stranieri o cittadini italiani residenti all’estero con l’obiettivo di favorire la cooperazione culturale internazionale e la diffusione della lingua, cultura e scienza italiana. Il programma coinvolgerà istituzioni statali italiane o legalmente riconosciute.

 

Gli studenti interessati potranno candidarsi attraverso il modulo “Borse on-line” disponibile sul sito del MAECI www.esteri.it

 

Scadenza iscrizioni on-line: mezzanotte (ora italiana) del 10 maggio 2017

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare: borsedistudio@italcoop.org.mz

 

20 dicembre 2016

Avviso per la selezione di un “Project Officer per il Settore Emergenza” da assumere in loco con contratto a tempo determinato ai sensi dell’art.19 della Legge n.125/2014.

PROGRAMMA DI EMERGENZA AID 10746

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Sezione dell’Ambasciata d´Italia di Maputo, nell’ambito del programma “Iniziativa di emergenza per la mitigazione degli effetti della siccità causata dal Niño nei Paesi dell’Africa australe” (AID 10746), intende assumere a tempo determinato un (1) “Project Officer”.

Profilo:               Project Officer

Sede di lavoro:       Maputo, Mozambico, con possibilità di missioni presso le sedi distaccate nei Paesi di pertinenza (Zimbabwe, Swaziland, Malawi)

Programma:     Iniziativa di emergenza per la mitigazione degli effetti della siccità causata dal Niño nei Paesi dell’Africa australe

Durata:               6 mesi

 

Retribuzione

mensile:            l’esatto ammontare sarà determinato sulla base delle caratteristiche del candidato selezionato e delle risorse finanziarie disponibili

Inizio:                 23/01/2017

Scadenza per la presentazione delle candidature: 31/12/2016

Link ai Termini di Riferimento: Italiano

Link aos Termos de Referencia: Portuguese

 

Inizio

 

29 novembre 2016

Con SECOSUD II si aggiunge un altro tassello al mosaico di iniziative AICS nel settore ambientale

Il 24 Novembre 2016 si è svolto l'evento di lancio del progetto “Conservazione e uso equo della biodiversità nella regione SADC”, ospitato dall'Auditorium del Complexo Pedagogico dell'Università Eduardo Mondlane. Il Programma ambisce costituire la continuazione del progetto SECOSUD, che dal 2003 al 2006 aveva lavorato sulle stesse tematiche a livello regionale, e per questa ragione è definito SECOSUD II. L'iniziativa si aggiunge, così, in forma coerente e significativa alla rete di programmi che da più di un decennio contribuiscono alla realizzazione delle linee strategiche della Cooperazione Italiana nel settore ambientale per la regione dell'Africa Australe.

 

Luca Malatesta (Coordinatore scientifico del progetto)

 

L'evento è stato organizzato dai Dipartimenti di Scienze Biologiche e di Biologia Ambientale rispettivamente dell'UEM e dell'Università Sapienza di Roma, in qualità di soci realizzatori dell'iniziativa. Alla partecipazione, tra gli altri, del Direttore Scientifico UEM, del Direttore AICS in Mozambico e del rappresentante del Comitato Scientifico del Progetto per l’Università Sapienza, ha previsto la presentazione del progetto, oltre che un'interessante tavola rotonda tematica sulle componenti principali del progetto, nell'ottica di ricavare utili indicazioni e promuovere possibili sinergie.

L'evento ha riunito punti di vista e visioni di decision-maker, donatori, tecnici, accademici, attivisti e rappresentanti della società civile, con la partecipazione attiva di partner provenienti dalla SADC (Sudafrica e Swaziland), in completa coerenza con l'obiettivo che il progetto si propone: essere catalizzatore di saperi, ispiratore di modelli e metodologie per potenziare l'impatto delle decisioni che influenzano la conservazione del patrimonio biologico in una prospettiva di sviluppo sostenibile per la regione.

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: \\s11utl\Documenti Condivisi\Visibilità\2016\SECOSUD Evento di Lancio\Roberto valenti, Betancourt Capece, Riccardo morpurgo.jpg

Da sinistra: Il Dott. Roberto Valenti (Rappresentante del Comitato Scientifico del Progetto per l’Università Sapienza), il Dott. Bettencourt Preto Sebastião Capece (Direttore scientifico e Membro del Consiglio Universitario della UEM di Maputo) e il Dott. Riccardo Morpurgo (Direttore AICS Maputo)

 

 

 

 

21 ottobre 2016

I diari del Direttore

Le nubi si arricciano scure sul cielo di Maputo presagio di una pioggia tanto attesa sfilacciandosi tra i grattacieli del nuovo skyline di Maputo, sfaldandosi tra le irte spine delle acacie che punteggiano la terra secca della pianura sottolineata dalle azzurre montagne del Lebombo. Gli occhi della popolazione del campo e quelli del bairro riflettono due aspettative contrastanti;  negli occhi dei contadini la verde speranza dei germogli di mais appena nati e l’augurio di una pioggia abbondante messaggera di un nuovo raccolto, la fine della siccità e la separazione dall’ ombra  della fame. Negli occhi degli abitanti dell’insediamento informale il riflesso delle pozzanghere, del fango e delle zanzare.

 

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: F:\Foto Chamanculo\Inaugurazione Opere\DSCF3491.jpg

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: F:\Foto Chamanculo\Inaugurazione Opere\DSCF3480.jpg

Il quartiere di Chamanculo C

 

Gli occhi degli abitanti di Chamanculo C oggi s’illuminano nonostante le nubi temporalesche che veloci corrono tra i tetti di lamiera, i muri sbocconcellati, le precarie strutture di latta che risalgono ai tempi coloniali quando per andare in città occorreva il passaporto. Città di cemento contro la città di paglia, di latta, di materiali di risulta. Città dei poveri a fronteggiare la città dei coloni abbellita dalle classiche piastrelle colorate, dai tetti di tegole rosse, dalle eleganti verande. Quartiere dove è maturata la coscienza e l’ aspirazione all’ indipendenza.

 

Quartiere storico che di quei tempi di schiavitù, di rivolta, ha conservato l’orgoglio ma la cui povertà non ha consentito un effettivo  miglioramento urbanistico. Strade strette, vicoli senza uscita che si attorcigliano su loro stessi, nei quali l’acqua ristagna e l’aria s’addensa spessa come le nuvole di zanzare, come la melma che alla prima pioggia trasforma le strade in fiumi di fango. Oggi è diverso, sulla strada rinnovata da un intervento della Banca Mondiale risuonano i canti e i balli delle donne del quartiere. Oggi si inaugura una delle prime opere civili destinate a sanare una situazione troppo radicata, oggi si inaugura il primo drenaggio che consentirà alla popolazione di trasformare in ricordo la mota e il lezzo delle acque stagnanti. Quella che si inaugura è la stagione della speranza, di un futuro migliore, più salubre.  E' un solo chilometro, forse una goccia nell'oceano. Forse ha ragione chi critica, chi vorrebbe tutto e  subito, chi dice che stiamo svuotando il mare con lo scolapasta. Forse, ma quel che è sicuro è che si tratta di un primo passo che s'aggiunge alla elaborazione dei piani urbanistici, ai piani sociali. Opere intangibili, queste, ma non meno importanti che formano la base per i futuri interventi. È la dimostrazione che la metodologia messa a punto in molti anni di lavoro in partenariato con altri, e in particolare con il Brasile, è un strada percorribile, capace di dare frutti duraturi. Cemento, certo, ma non solo; l'azione che la Cooperazione Italiana ha avviato ha consentito di aggregare in un unico posto le azioni di altri. Mentre ascoltavamo i canti, guardando le movenze sinuose dei gruppi di ballo un idea ci accompagnava. Era il frutto di un lavoro comune, senza distinzione di razza, di religione, di censo. L'opera, verrebbe da dire, di una colonia di api tutte assieme impegnate a costruire l'alveare. Spagnoli, tedeschi, mozambicani, brasiliani, italiani assieme per raggiungere un solo obiettivo, assieme alla Banca Mondiale a Cities Alliance, alla Unione Europea ognuno ha fatto la sua parte. Un progetto che era partito con circa 2,5 milioni di dollari ha concentrato nel quartiere più di 7 milioni complessivi ogni dollaro, ogni euro impegnato con un unico scopo: restituire la dignità alla popolazione che della dignità ha fatto la sua bandiera. E che scintilla come le lacrime dell’anziana che rivendica il suo diritto a morire nel quartiere, tra le case che la videro schiava ed ora, da donna libera, vede il suo sogno realizzarsi. Vivere da africana, da mozambicana in un quartiere che rispecchia la sua cultura, fatta di spazi liberi, di alberi che affondando le proprie radici nel suolo sabbioso fanno germogliare i canti, i racconti e alla cui ombra riposano gli antenati.

 

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: F:\Foto Chamanculo\Inaugurazione Opere\IMG_1108.jpg

Momento culturale durante la cerimonia di chiusura del progetto

 

 

08 novembre 2016

Cooperazione scientifica: due nuovi laboratori per il Museo di Storia Naturale

Le direzioni del Centro di Biotecnologia e il Museo di Storia Naturale della Università Eduardo Mondlane (UEM) hanno organizzato ieri, 7 novembre 2016, il seminario di presentazione dei risultati di un anno di lavoro nell'ambito del progetto “Formazione di ricercatori e manager per le biotecnologie dell’ambiente e della salute in Mozambico”, realizzato dalla Università degli Studi di Sassari e dall’Università di Roma “La Sapienza”.

 

L’evento si è svolto presso il Museo di Storia Naturale di Maputo e ha visto la partecipazione dell’Ambasciatore d’Italia in Mozambico Marco Conticelli, i vice rettori della UEM insieme a molti direttori e funzionari di diverse Facoltà e del Ministero di Scienza, Tecnologia, Insegnamento Superiore e Tecnico-Professionale.

 

Durante l’iniziativa sono stati inaugurati due nuovi laboratori del Museo: Caratterizzazione Genetica e Preparazione delle Collezioni, creati per rilanciare la ricerca per l’ambiente e la biodiversità.

 

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: \\s11utl\Documenti Condivisi\Visibilità\2016\Articolo inaugurazione laboratori 07.11.16\Foto Inaugurazione laboratori MHN-UEM 07.11.16\PB071187.jpg

L’Ambasciatore d’Italia in Mozambico Marco Conticelli

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: \\s11utl\Documenti Condivisi\Visibilità\2016\Articolo inaugurazione laboratori 07.11.16\Foto Inaugurazione laboratori MHN-UEM 07.11.16\PB071208.jpg

La direttrice del Museo, Sra. Lucília Chuquela, stringe la mano all’Ambasciatore Marco Conticelli

 

 

08 novembre 2016

Sviluppo urbano: lavori di riqualificazione a Chamanculo C, Maputo

 

Il 1° Forum Urbano Nazionale, svoltosi a Maputo il 12 e 13 ottobre scorsi, ha confermato la necessità urgente di intervenire con azioni concrete di riduzione della povertà urbana e di promuovere politiche di riqualificazione degli insediamenti informali, con particolare enfasi su nuove infrastrutture urbane per il miglioramento delle condizioni urbanistiche e sanitarie, la fornitura di servizi urbani efficienti, la formalizzazione fondiaria e l’aumento della resilienza delle comunità locali.

 

È in tale ottica che si inserisce l’azione della Cooperazione Italiana in Mozambico, impegnata da anni in progetti di sviluppo urbano con particolare attenzione ai temi della riduzione della povertà urbana e del risanamento ambientale degli insediamenti informali.

Venerdì 4 novembre il Direttore della sede locale dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Riccardo Morpurgo, ha partecipato all’inaugurazione dei lavori di riqualificazione dell’accessibilità a Chamanculo C, quartiere di Maputo.

 

Dal 2011 la Cooperazione Italiana sostiene il “Programma di Cooperazione Tecnica Trilaterale per la Riqualificazione del Quartiere Chamanculo C”, realizzato in partenariato con il Municipio di Maputo. Obiettivo dell’iniziativa è contribuire a definire una strategia generale di intervento integrata per gli insediamenti informali della città di Maputo.

Grazie a questo Programma e all’assistenza tecnica e finanziaria fornita dalla Cooperazione Italiana, insieme ad altri partner di cooperazione, il Municipio di Maputo ha elaborato studi e piani di intervento e sta realizzando interventi di riqualificazione di natura fisica e socio-economica.

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: \\s11utl\Documenti Condivisi\Visibilità\2016\Articolo Chamanculo C (per sito) 04.11.16\Attachments487933746\IMG-20161105-WA0007_resized.jpg

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: \\s11utl\Documenti Condivisi\Visibilità\2016\Articolo Chamanculo C (per sito) 04.11.16\Attachments487933746\IMG-20161105-WA0008_resized.jpg

Alcuni momenti della cerimonia inaugurale

 

Inizio

 

02 novembre 2016

Forum Urbano Nazionale 2016

 

Il 12 e il 13 ottobre si è tenuto a Maputo il 1º Forum Urbano Nacional del Mozambico, organizzato da Cities Alliance e GIZ nel solco di Habitat III, con al centro del dibattito la definizione di un’agenda urbana per il Paese, per rispondere alla sfide poste da una rapida urbanizzazione e costruire città più inclusive, resilienti e sostenibili.

La Cooperazione Italiana sostiene da anni gli sforzi del Mozambico per la riduzione della povertà urbana e una pianificazione inclusiva e partecipativa, in particolare nella città di Maputo, attraverso il Progetto di “Sostegno alla Riqualificazione del Quartiere di Chamanculo C”.

 

 

 

 Inizio

 

11 agosto 2016

Avviso per la selezione di un “Esperto di questioni di genere e coordinatore del programma” da assumere in loco con contratto a tempo determinato ai sensi dell’art.19 della legge n.125/2014

 

Profilo: Coordinatore del Programma

Sede di lavoro: Maputo, Mozambico

Programma: Programma di Sostegno all’Empowerment Socio-economico delle donne (PESED)

Durata: 12 mesi

Retribuzione mensile: l’esatto ammontare sarà determinato sulla base delle caratteristiche del candidato selezionato e delle risorse finanziarie disponibili

Inizio: 07/09/2016

Scadenza per la presentazione delle candidature: 22/08/2016

 

Link ai Termini di Riferimento: Italiano

Link aos Termos de Referencia: Portuguese

 

11 luglio 2016

Inaugurazione Biodigestore del Campus Universitario della UEM

Il 5 luglio scorso si è svolta, nel campus universitario dell’Università Eduardo Mondlane (UEM), la cerimonia di inaugurazione del biodigestore, realizzato dalla Fondazione ACRA nell'ambito del progetto, co-finanziato dalla Cooperazione italiana, “ Una filiera sostenibile del risanamento”.

 

Alla presenza del rettore della UEM, Professor Quilambo e  del dirigente dell'ENEA e consulente del Progetto, Dr. Pignatelli, il Professor Cumbane del Centro de Estudos Industriais, Segurança e Ambiente dell' UEM, ha descritto le caratteristiche del nuovo impianto: semplificato, di piccole dimensioni e di facile gestione.

Il modello prescelto è quello di un sistema “ad umido”, dove il substrato viene triturato e diluito con acqua fino ad ottenere una sospensione con un contenuto massimo del 9-10% di sostanza solida, facilmente movimentabile con l’uso di semplici pompe per liquidi.

Simili impianti non sono ovviamente concepiti per la produzione di energia elettrica, ma allo scopo di fornire un flusso costante di gas con caratteristiche idonee all’alimentazione di un bruciatore per la produzione di acqua calda sanitaria o direttamente per la cottura dei cibi.

E a questo servirà il nuovo impianto: nel campus sono infatti presenti in media ogni giorno circa 1.500 studenti, più il corpo insegnante, che consumano i loro pasti presso i 5 ristoranti e/o le due mense universitarie con refettorio ivi presenti.

Il biodigestore inaugurato risponde anche ad altre due esigenze: (i) servirà agli studenti per lavori di ricerca, (ii) è facilmente replicabile in altre situazioni simili (scuole, ospedali ecc).

 

Il biodigestore, poi, e' stato realizzato utilizzando componentistica disponibile in loco.

 

Più in generale, lo sviluppo e la diffusione di impianti di digestione anaerobica, anche di diversa taglia e tipologia, potrebbe costituire un elemento importante per il miglioramento della situazione ambientale e sanitaria del Paese, con ricadute positive sul sistema di gestione sia dei rifiuti che delle acque, come pure sul sistema agricolo.

 

 

Alcuni momenti della cerimonia inaugurale

 

 

Avviso Bando di Emergenza siccità

Per agevolare la ricerca delle informazioni sul bando emergenza attraverso il sito della Cooperazione Italiana in Mozambico, abbiamo inserito nella colonna di sinistra "Settori" una pagina dedicata denominata “Emergenza”.

 

 

20 aprile 2016

Africa australe: Iniziativa di emergenza. AID 10746 – I fase

È stata autorizzata un’iniziativa di emergenza in Africa australe (Mozambico, Malawi, Zimbabwe e Swaziland) da realizzarsi con il concorso di ONG ai sensi dell’art. 19 della Delibera del Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo approvata il 29 gennaio 2016.

Le proposte di progetto dovranno essere presentate dagli organismi proponenti secondo le modalità previste nella Call for Proposal.

 

Scadenza per l’invio delle domande:  entro e non oltre, a pena di esclusione, le ore 16.00 (ora mozambicana) del 2 maggio 2016.

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare: amb.maputo@cert.esteri.it dando altresì comunicazione dell’avvenuta spedizione, con separata e-mail, al seguente indirizzo coordinamentoemergenzamaputo@gmail.com

 

Gli allegati per la partecipazione potranno essere scaricati dal sito della cooperazione allo sviluppo al seguente link: www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it oppure dall’elenco che segue.

 

1.    Call for Proposal

2.    A. Parametri di valutazione

3.    B. Chiarimenti amministrativi

4.    C. Formato standard semplificato Proposta di progetto

5.    D. Piano finanziario

6.    E. Lettera d’incarico

7.    F1. Modello Polizza fideiussoria 2%

8.    F2. Modello Polizza fideiussoria anticipo

9.    G. Disciplinare d’incarico

10. H. Dichiarazione di esclusività

11. I Formato standard Rapporto intermedio e finale

12. FAQ – Domande Frequenti

 

 

 

 

8 aprile 2016

Sapienza - Università di Roma: aperte iscrizioni Summer School di lingua e cultura italiana

L’Università “La Sapienza” di Roma apre le iscrizioni all’edizione 2016 della Summer School di lingua e cultura italiana, che avrà luogo dal 4 al 16 luglio 2016.

I corsi sono rivolti a studenti stranieri che vogliono avvicinarsi al patrimonio culturale italiano, utilizzando le competenze e le professionalità della Facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza.

 

Scadenza per l'invio delle domande di iscrizione: 16 maggio 2016.

 

La modulistica e le informazioni utili su costi e programmi sono disponibili al seguente indirizzo: www.en.uniroma1.it.

 

 Per maggiori informazioni si prega di contattare : letteresummerschool@uniroma1.it

 

8 aprile 2016

Corso di Laurea Magistrale in “International Economics and Commerce” (IEC)

La Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche ha aperto le selezioni per il prossimo anno accademico del corso di Laurea Magistrale in “International Economics and Commerce” (IEC). IEC è aperto a studenti italiani e internazionali. Per incentivare l’iscrizione di questi ultimi, l’Ateneo ha messo a loro disposizione un consistente numero di borse di studio che coprono le spese di vitto e alloggio.

 

Per maggiori informazioni si prega di consultare la pagina web: www.econ.univpm.it

 

29 marzo 2016

 XVII Riunione Annuale di Valutazione del settore Istruzione per l’anno 2015 – RAR 2016

Maggiore equità, qualità e sistemi di gestione più forti sono tre punti chiave del nuovo Obiettivo dello Sviluppo Sostenibile sull’Istruzione (SDG 4), volto a “garantire un’istruzione inclusiva, equitativa e di qualità, e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti”. Questi temi, di rilevanza globale e tanto cari al Mozambico, sono stati al centro del dibattito durante la XVII Riunione Annuale di Valutazione del settore Istruzione per l’anno 2015 (RAR, dal portoghese Reunião Anual de Avaliação), che si è svolta mercoledì 23 marzo 2016, alla presenza del Ministro dell’Educazione e dello Sviluppo Umano del Mozambico, Jorge Ferrão. Questo incontro annuale, strumento chiave di monitoraggio dei risultati settoriali legato al Fondo Comune di Sostegno all’Istruzione (FASE), rappresenta un’occasione unica per effettuare un bilancio congiunto, tra Ministero e partner di cooperazione, delle problematiche esistenti e i progressi svolti nel settore, e valutare una risposta comune alle sfide presenti e future.

 

 

La partecipazione della Cooperazione Italiana, nel ruolo di finanziatore del Fondo FASE e punto focale dei partner di cooperazione per l’Istruzione Tecnico-Professionale, è stata fondamentale in un momento di transizione in cui questo settore è passato sotto la tutela del nuovo Ministero della Scienza, Tecnologia, Istruzione Superiore e Tecnico-Professionale - MCESTP. Nell’ambito della presentazione dei risultati settoriali, la Cooperazione Italiana ha evidenziato le sfide poste dalla transizione avvenuta nel corso del 2015 e i promettenti progressi dei primi mesi del 2016, con l’approvazione della revisione della Legge sull’Istruzione Tecnico-Professionale che crea un’Autorità Nazionale dell’Educazione Professionale - ANEP e un Fondo Nazionale – FNEP. La centralità data dall’Italia a questo settore, come partner chiave del MCTESTP e attraverso il futuro Programma di Supporto alla Riforma – PRETEP PLUS, si pone in linea con gli obiettivi e le strategie governative, che vedono nell’istruzione tecnico-professionale uno strumento irrinunciabile per rispondere alle sfide poste da un’economia in forte trasformazione, attraverso la promozione dell’accesso a migliori opportunità di impiego e l’inclusione sociale.

 

Alice Albright di GPE  (seconda da sinistra) e il Ministro dell’Educazione e dello Sviluppo Umano Jorge Ferrão

Intervento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Rappresentanza di Maputo

 

 

La RAR 2016 è anche coincisa con la visita ufficiale dell’Amministratrice Delegata del Partenariato Globale sull’Istruzione – GPE (Global Partnership for Education), Alice Albright, la quale ha congratulato il Governo e i partner di cooperazione per il ruolo centrale dato all’istruzione come motore dello sviluppo del paese e lo spostamento dell’attenzione sulla qualità, in linea con gli Obiettivi Globali adottati dalle Nazioni Unite il settembre scorso. L’abbandono scolastico, l’equità sul piano socio-economico, di genere, e regionale, la qualità dell’apprendimento, e l’accesso ai libri e altri strumenti di apprendimento sono state individuate come aree critiche sulle quali concentrare gli sforzi comuni per garantire un’istruzione di qualità per tutti e promuovere lo sviluppo sostenibile del Mozambico negli anni a venire.

 

25 marzo 2016

Emergenza siccità e sicurezza alimentare: impressioni dal Distretto di Moamba

   Il nastro d’asfalto della nuova autostrada che circonda Maputo s’interrompe bruscamente, restringendosi in una polverosa pista di laterite rossa. A pochi chilometri dalla capitale la visione dei moderni grattacieli che caratterizzano la città appaiono fuori dal tempo,  mentre il paesaggio si trasforma e l’intreccio delle case si diluisce nel tipico paesaggio africano punteggiato dalle chiome ad ombrello delle acacie e dall’intreccio di arbusti spinosi che costituiscono la savana alberata. Vegetazione che cresce stenta su un suolo sabbioso reso più arido dalla siccità. Le secche e scure ritorte branche degli alberi risaltano sul bianco della sabbia mentre la pista serpeggia tra le ondulazioni del terreno e dei letti dissecchi di torrenti che in questa stagione avrebbero dovuti essere tumultuosi ma oggi, a causa del Niño,  inariditi. Il silenzio reso più profondo dall’assenza del volo degli uccelli, i nudi fili della corrente elettrica spogli delle sagome dello ombroso drongo, abbandonati i nidi dei tessitori.

Intorno ad una pozza fangosa si radunano magre vacche e le donne di una comunità del Distretto di Moamba, uno dei più colpiti dalla siccità che ha colpito la regione meridionale del Paese, uomini ed animali accomunati dallo stesso comune destino di aridità e carestia.

E’ siccità, tra i tropici del Capricorno e del Cancro, tumore che lento asciuga e imbianca le ossa degli armenti, delle greggi che migrano lasciando dietro di se l’agonia delle argille crettate, immenso sudario che nasconde il miracolo dell’acqua:  fuggita, rintanatasi nelle profonde viscere della terra. Ibernata, addormentata. Il buio delle cavità a fornire un’ ultima resistenza prima di evaporare e svanire nelle azzurre immensità sideree.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\riccardo.morpurgo\Pictures\P1060416.JPG

 

E’ muta  la siccità, la gola riarsa, la lingua raspa delle genti eguagliate nella stessa incerta sorte. Uomini e animali , piante e terre tutti in attesa di quella goccia che il cielo impietoso continua a negare inaridendo le vene del corpo e della Terra. I fiumi, in passati recenti, gonfi d’acqua ora ridotti a misere pozze intorno alle quali s’affliggono quelli che oggi sono viventi e domani, forse.

E’ questo il paesaggio che la missione della cooperazione italiana ha voluto incontrare.  E’ venuta ad ascoltare, a registrare la composta disperazione delle comunità che, sparse, punteggiano la vastità del mato africano, mato que nunca acaba come dicono i mozambicani nel loro dolce portoghese tanto diverso da quello, duro e gutturale, del Portogallo (savana che fine non ha, nella traduzione italiana). E’ richiesta di acqua, di cibo e non solo è voglia di tornare a coltivare, pascolare, è voglia di educazione, di salute, di tornare alla vita. Ma se i bisogni che esprimono queste sono localizzate non così il fenomeno che ha assunto dimensioni globali, e di cui El Niño non è che una delle cause, amplificata dai mutamenti climatici, dalla deforestazione, dall’uso, sconsiderato, del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\riccardo.morpurgo\Pictures\P1060410.JPG

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\riccardo.morpurgo\Pictures\P1060423.JPG

 

La peggior siccità degli ultimi trentacinque anni. Raccolti persi, bestiame morto nei letti dei fiumi in secca. E altrove, inondazioni torrenziali. E se la crisi è globale allora una risposta non può essere locale deve essere, anch’essa, globale. Deve oltrepassare la sola emergenza per diventare sviluppo sostenibile nel rispetto dell’ambiente, della natura che oggi, come ieri, come sempre pare emettere un ultimo avvertimento.

 

 

25 marzo 2016

BANDO DI BORSE DI STUDIO OFFERTE A STUDENTI STRANIERI O CITTADINI IRE DAL GOVERNO ITALIANO Anno Accademico 2016/2017

 

Le borse di studio sono indirizzate a studenti stranieri o cittadini italiani residenti all’estero con l’obiettivo di favorire la cooperazione culturale internazionale e la diffusione della lingua, cultura e scienza italiana. Il programma coinvolgerà istituzioni statali italiane legalmente riconosciute.

 

Gli studenti interessati potranno candidarsi attraverso il modulo “Borse on-line” disponibile sul sito del MAECI www.esteri.it

 

Scadenza iscrizioni on-line: mezzanotte (orario italiano) del 15 aprile 2016

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare: borsedistudio@italcoop.org.mz

 

22 marzo 2016

AFFRICO II - SPRING SCHOOL: Innovazione nel campo agroalimentare

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo supporterà la partecipazione alla Spring School di AFFRICO II, sull’innovazione in campo agroalimentare, di  12 partecipanti selezioni nei seguenti Paesi dell’Africa Sub-Sahariana: Etiopia, Kenya, Ghana, Capo Verde, Mozambico, Malawi, Tanzania, Zanzibar, Mauritius e Madagascar.

 

Scadenza iscrizioni: 31 Marzo 2016

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare  ecampori @ ceub.it o giuseppe.provenzano@unipa.it e consultare la pagina web www.ceub.it

 

8 marzo 2016

MAGUMÍ? Racconto dalla Zambesia

L’aria condizionata del vecchio 4x4 non riesce a scalfire la spessa cortina di calore e umidità che incombe sulla pianura della Zambesia. Avanza, in un mare di erba grigio azzurra, sputando neri fumi di gasolio incombusto, al suono catarroso di un motore che sembra dover tirar le cuoia da un momento all’altro. Tutt’intorno il mare di erbe rinsecchite, riarse dalla siccità, sembra non dover finir mai. Unico confine quello di un cielo di un azzurro impietoso, quasi latteo alla luce del sole che, incurante degli uomini e della natura, segue il suo corso. La pista appena visibile segue un tortuoso, incomprensibile cammino. In attesa, appare una foresta di tronchi di palma, nudi, cinerei, rosi dal tempo, puliti dal vento e dalla sabbia. Sembrano alberi maestri di velieri misteriosamente arenatesi nella pianura, spinti da una qualche remota tempesta. Relitti, ma non di navi bensì di una delle più grandi piantagioni di palma da cocco condannata da una malattia, l’ingiallimento letale, che in pochi anni ha distrutto questa attività che era la base dell’economia locale. In lontananza, gli scheletri degli opifici in cui, una volta, si estraeva la copra.

 

Piantagione di palme da cocco colpite dalla malattia

dell’ingiallimento letale

 

Ancora un sobbalzo seguito da un altro e un altro ancora. Tutti ugualmente feroci, capaci di modificare l’anatomia interna del corpo, dislocando le interiora, divulgandosi nelle  ossa. E’ la Zambesia, mitica terra di confine, di commercio, di schiavi, di avorio e di oro ove, alcuni hanno voluto vedere la mitica terra di Ofir e delle miniere di Re Salomone. Terre di fortune sognate, di speranze tradite, di sicura povertà. Povertà che appare, improvvisa, nei volti ombrosi delle comunità occultate nelle macchie che bordeggiano i canali del delta dello Zambesi, del Rio dos Bons Sinais.

 

Siamo qui, accompagnati da Antonio della Caritas di Quelimane, per vedere i sei pozzi realizzati dal programma di sostegno ai progetti comunitari, uno dei quattordici progetti finanziati dalla Cooperazione Italiana, identificati dalle comunità e concordati con i governi delle Amministrazioni Locali. Un programma che cerca di avvicinare le popolazioni al governo, impresa non facile in questa Provincia divisa tra voto popolare e sistema amministrativo centrale e che solo recentemente con l’elezione del sindaco di Quelimane, Manuel de Araújo, e la nomina del Governatore provinciale Abdul Razak sembra aver raggiunto un’interessante mediazione e un notevole grado di dialogo. Ma nel mato regna ancora la diffidenza, ed è questa che il programma vuole affrontare. Diffidenza che ostacola la riconciliazione e, in ultima istanza, il consolidamento della pace.

I pozzi, quindi, opere piccole ma di grande impatto sulla vita di queste popolazioni costrette, a volte a percorrere decine di chilometri per una tanica d’acqua. Acqua, tanto più preziosa adesso che la siccità morde la terra, inaridendola. Ma i pozzi, seppur importanti, restano una goccia d’acqua in un oceano, incapaci di provvedere alle esigenze della popolazione. Acqua, pura trasparente, ma incapace di dissetare la terra, di sfamare una popolazione che ha visto, a causa dell’ingiallimento letale, perdere la sua fonte di sostentamento: il cocco. E’ sparita l’acqua per le risaie, per l’allevamento. Al suo posto la sete e la fame, le risaie disseccate non producono più. Ma non è un fenomeno locale, ha assunto dimensioni globali. Il Sud Africa, anch’esso colpito dalla siccità, così come gli altri Paesi che confinano con il Mozambico, non ha più cibo da vendere, deve importarlo e l’instabilità politica fa si che sulla principale arteria del Paese, la strada nazionale EN1, i commerci siano diminuiti a causa dell’insicurezza. Ma la fame e la siccità sono fenomeni ricorrenti in Africa e quando il mais e il riso non crescono le popolazioni sanno che l’unica maniera di affrontarla è cambiare i sistemi agricoli. I carboidrati dei cereali vengono sostituiti da quelli della manioca, più resistente alla siccità. Ma non tutti conoscono la maniera di coltivare questa radice e, tra questi, le popolazioni di Quelimane abituate al riso e al lavoro salariato. Un sistema agricolo tradizionale che non ha sviluppato alternative resilienti. E’ quindi sulla resilienza che ora dovremo lavorare, creare condizioni in grado di affrontare i mutamenti climatici creando un sistema capace di tamponarne gli effetti. E’ questo che le comunità di Quelimane ci hanno chiesto e di poter rispondere al tradizionale saluto di MAGUMI (come state in Chuabo) non con la cortesia tipica delle genti africane ma con un convinto sorriso che non nasconda la vera risposta: male, affamati, dolenti. Cala la notte una ragazza balla sotto la pioggia, la prima dopo settimane. Pioggia benedetta ci dice la madre sorridendo alla grazia della bambina.

 

Coltivazione di Manioca (Manihot esculenta Crantz)

 

 

 

 

                                                                                      

 

 Inizio

 

29 gennaio 2016

Cooperazione scientifica - un’occasione per riflettere

Nel corso delle ultime decadi del 20esimo secolo, il mondo è passato attraverso cambi sociali ed economici di magnitudine mai vista precedentemente e che hanno avuto un impatto sulla vita di milioni di abitanti. La globalizzazione, la nuova rivoluzione industriale, ha marcato questi cambi propagandone gli effetti sia positivi che negativi, fornendo alla comunità mondiale un nuovo senso di interdipendenza.

 

Tra le tecnologie che hanno maggiormente contribuito a questa rivoluzione, quelle biotecnologiche –l’insieme di tecniche che investigano e utilizzano i sistemi biologici per produrre prodotti innovativi- sono certamente quelle che, assieme alla rivoluzione delle ICT, hanno maggiormente inciso sul nostro mondo. Nulla di nuovo in realtà se si pensa che molti dei prodotti che consideriamo tradizionali, il vino e i formaggi solo per citarne alcuni, sono il prodotto di tecnologie biologiche. Ma quello che in passato era il prodotto di complesso lavoro di ricerca, oggi può essere raggiunto con molta minor spesa e tempo.

 

Le potenzialità delle biotecnologie sono immense e non si limitano all’agricoltura ma hanno grande importanza nella medicina, nella bioenergetica, nell’industria ambientale o anche nella bioingegneria.

 

Esattamente come per le tecnologie delle comunicazioni, il rischio di biotech divide esiste ed è reale. Come tutte le tecnologie avanzate il loro sviluppo richiede denaro e, soprattutto, conoscenza. La Cooperazione Italiana è quindi impegnata sin dal 2005 nella diffusione di tali competenze adattandole ai problemi che il Mozambico affronta quotidianamente e che, per loro natura, non attraggono gli investimenti delle multinazionali.

 

Conoscenza che non è solo sviluppo di tecniche moderne ma anche coscienza del valore della biodiversità esistente nel Paese, delle conoscenze tradizionali delle proprietà delle piante, della difesa di questa variabilità su cui si basa la vita del Pianeta.

 

Con la cerimonia di inaugurazione del nuovo programma “Progetto di formazione di ricercatori e manager per le biotecnologie  la Cooperazione Italiana ed il sistema universitario riconfermano, ancora una volta, la volontà di sostenere gli sforzi del Paese nel suo cammino verso la modernizzazione coinvolgendo in tale sforzo il Museo di Scienze Naturali di Maputo. È questa una delle più prestigiose istituzioni del genere dell’intera Africa Sub Sahariana che, oltre ad accogliere alcune delle collezioni entomologiche ed ittiche più complete del Continente, dovrà diventare una delle Istituzioni di riferimento per la protezione della biodiversità del Paese.

 

La presenza di due importanti realtà Mozambicane, il Centro di Biotecnologie dell’UEM e il Museo di Storia Naturale, non potranno che portare al consolidamento della cooperazione scientifica anche a livello nazionale, rappresentando uno degli aspetti più interessanti della strategia di supporto al sistema universitario mozambicano da parte dell’Italia.

 

Museo di Storia Naturale: la conservazione degli animali tramite la tecnica della tassidermia.

Fonte foto: MMO – Moçambique Media Online

 

Ingresso del Museo di Storia Naturale di Maputo

 

 

11 gennaio 2016

Borse di studio 2016 - Cultura Italiana Arezzo

 

Cultura Italiana Arezzo, scuola e centro culturale per la promozione della lingua e della cultura italiana, mette a disposizione per l’anno 2016 delle borse di studio per gli studenti che frequentano un corso di lingua italiana presso l´Ambasciata d´Italia o presso gli Enti/Scuole con i quali l’Ambasciata d´Italia in Mozambico è solita collaborare. Per tutti gli studenti interessati ad un soggiorno linguistico in Italia si rimanda alle informazioni generali sui corsi offerti disponibili sul website della scuola.

                             Inizio

 

 

24 novembre 2015

 Corsi di laurea in lingua inglese all’Università Statale di Milano

L’Università Statale di Milano offre corsi di studio in lingua inglese per i quali sono messe a disposizione 120 borse di studio per il prossimo anno. Le date e i termini per le iscrizioni del nuovo anno accademico (2016-2017) saranno a breve disponibili sul sito dell’Università . Informazioni generali sui corsi offerti sono disponibili su questa brochure.

 

 

 

23 novembre 2015

Conferenza internazionale sull’uguaglianza di genere e empowerment delle donne, 7-8 dicembre

La Cooperazione Italiana, in partnership con il Centro di Coordinamento delle Questioni di Genere (CECAGE) dell’Università Eduardo Mondlane, nell’ambito del Programma di Empowerment Socio-economico delle Donne (PESED), realizzerà il 7 e 8 Dicembre a Maputo la “Conferenza Internazionale sull’Uguaglianza di Genere e Empowerment delle donne”. Il tema della conferenza sarà “Donne Imprenditrici e Accesso al Credito”.  L’obiettivo è di definire un’agenda innovatrice che aumenti l’accesso delle donne al credito, alle risorse e ai servizi finanziari per migliorare la situazione socioeconomica delle donne imprenditrici in Mozambico, aumentando le opportunità di impiego e partecipando, in questo modo, allo sviluppo economico e alla promozione dell’uguaglianza di genere. Maggiori notizie sul programma della Conferenza sono disponibili sull’apposita pagina web.

 

 

21 ottobre 2015

Evento di lancio del PROGRAMMA DI SUPPORTO AI PROGETTI COMUNITARI

Si è svolto presso la Scuola Primaria Completa della Comunità di Ngalunde (Distretto di Marracuene, a 30 km da Maputo) il 19 ottobre 2015 l’evento di lancio del PROGRAMMA DI SUPPORTO AI PROGETTI COMUNITARI, organizzato dall´UTL di Maputo e dall’Ambasciata d´Italia in Mozambico, in collaborazione con la ONG italiana CCS. L’evento ha rappresentato un’occasione di incontro per inaugurare, in presenza dell’Ambasciatore d´Italia in Mozambico  Roberto Vellano, il finanziamento di 500.000 euro per la realizzazione di  14 iniziative volte a rispondere alle necessità di sviluppo comunitario del Paese.

All’evento erano presenti Maria Vicente, Amministratrice del Distretto che ha ospitato l’evento, Danilo Bay, Segretario Permanente del Ministero promotore del programma (Ministerio de Genero, Criança e Acção Social) che ha espresso la propria soddisfazione per il percorso raggiunto da questo programma, Daniel Assa, rappresentante del Ministero degli Esteri (Ministerio dos Negocios Estrangeiros e Cooperação), i rappresentanti del corpo scolastico della scuola Escola Primaria Completa ‘19 de outubro’, gli alunni della scuola e i rappresentanti di 5 dei 14 progetti che hanno ottenuto il finanziamento nell’aerea meridionale del paese e che hanno partecipato alla consegna simbolica del finanziamento.

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\nicola.tissi\Downloads\Evento Moz- foto famiglia-rappresentanti governo.jpg

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\nicola.tissi\Downloads\Evento Mozambico - assegni.jpg

Foto di famiglia con i rappresentanti del Governo

L’Ambasciatore Vellano consegna un assegno a una iniziativa premiata

 

 

 Inizio

 

 

8 ottobre 2015

Seminario sull’implementazione della Convenzione internazionale per i diritti dei disabili

Nell’ambito del progetto "Cooperare per includere. L'impegno dell'Italia su disabilità e cooperazione allo sviluppo", finanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI-DGCS), l’Unità Tecnica Locale di Maputo ha organizzato un seminario congiunto con l’Università Eduardo Mondlane, il Ministero di Genere, Infanzia e Azione Sociale di Maputo e il FAMOD (Forum di Associazioni Mozambicane per i Disabili) sull’implementazione della Convenzione internazionale per i diritti delle persone con disabilità. L’evento ha riunito più di un centinaio di partecipanti per ognuna delle due giornate, ricevendo ampia copertura mediatica.

L’obiettivo del seminario è stato duplice: da un lato tracciare un bilancio dell’implementazione della Convenzione nel contesto mozambicano, dall’altro identificare misure e azioni per un’integrazione trasversale della disabilità nelle politiche pubbliche (disability mainstreaming).

Durante la prima giornata è stato fatto il punto sullo stato attuale dell’implementazione della Convenzione con interventi dei Ministeri di competenza e del Vicepresidente della Repubblica Younusse Amad. Durante la seconda giornata si sono svolti lavori di gruppo su temi legati al mainstreaming della disabilità nelle aree di salute e educazione e sul potenziamento delle organizzazioni di base.

Il seminario si è svolto in un momento di particolare importanza essendo in corso di formulazione una Legge per la promozione e protezione dei diritti dei disabili ed essendo ormai i tempi maturi per la redazione del rapporto di monitoraggio della Convenzione Internazionale per i diritti dei disabili. La Cooperazione italiana si è dotata nel 2013 di un Piano d’Azione sulla disabilità che promuove fra le altre cose la progettazione inclusiva e una maggiore accessibilità a beni e servizi per i disabili nei Paesi in Via di Sviluppo. Il Piano e l’assunzione del ruolo di Vicepresidente della Conferenza degli Stati Parti della Convenzione riflettono l’impegno italiano crescente per l’inclusione sociale dei disabili nel mondo finanziato dalla Cooperazione italiana, come sottolineato dall’Ambasciatore Vellano durante la cerimonia di apertura. 

 

                             L’Ambasciatore Vellano durante la cerimonia di Apertura

 

.

L’Ambasciatore Vellano, Younusse Amad (Vicepresidente dell’Assemblea della Repubblica mozambicana) e Dario Milano, responsabile dell’Unità di Budget Support dell’UTL Maputo.

 

22 settembre 2015

Giornata mondiale del rinoceronte

Si è festeggiata ieri, 22 Settembre, la Giornata Mondiale del Rinoceronte che celebra le 5 specie superstiti di rinoceronti, due africane e tre asiatiche, discendenti delle oltre trenta specie che vivevano sulla Terra più di Sessanta milioni di anni fa.

Il Mozambico, con 87.000 Kmq di aree protette, è un paese di grande rilievo per la biodiversità, che ospita sette Parchi nazionali, otto Riserve naturali, una Riserva speciale e un’area soggetta a protezione ambientale. In un contesto così ricco per la sua biodiversità, il bracconaggio rappresenta una minaccia reale, le cui cause sono complesse da analizzare: povertà a livello locale, fragilità di governance a livello nazionale,  scarse risorse per la gestione delle Aree Protette  e una crescente richiesta di corni di rinoceronte e avorio a livello globale.

Segnali positivi di un cambiamento in atto a livello nazionale arrivano da più versanti: l’approvazione della legge contro il bracconaggio dell’aprile del 2014, la redazione del NIRAP (National Rhino and Ivory Action Plan) in risposta alle raccomandazioni emerse durante la 65ª riunione dello Standing Committee del CITES (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora) e il forte segnale che  il Governo del Mozambico ha voluto trasmettere alla comunità internazionale incenerendo oltre 190 kg tra corni di rinoceronte e zanne di elefante come segnale di intolleranza nei confronti di un fenomeno che negli anni ha decimato,  fino alla oramai dichiarata estinzione, il rinoceronte sul territorio nazionale. L’Italia, forte di una vasta esperienza in aree di conservazione, sta pianificando un intervento in questo settore specifico che contribuirà insieme agli altri partner internazionali a mitigare questa perdita di biodiversità e forse un giorno a far rientrare il rinoceronte nei confini del Mozambico.

 

 

21 settembre 2015

Firmato a Maputo il nuovo Memorandum sul Sostegno al Bilancio Generale dello Stato

I partner del Sostegno al Bilancio Generale e il Governo del Mozambico hanno proceduto oggi alla firma del nuovo Memorandum d’Intesa che per i prossimi cinque anni regolerà i meccanismi di gestione e di dialogo tra donatori e autorità mozambicane per questa modalità di aiuto allo sviluppo.

I Paesi e le Agenzie che hanno sottoscritto il nuovo Memorandum sono Austria, Banca Africana di Sviluppo, Banca Mondiale, Canada, Commissione UE, Finlandia, Francia, Irlanda, Italia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

Il Ministro dell’Economia Adriano Maleiane, che ha firmato in rappresentanza del Governo mozambicano, ha espresso la propria soddisfazione per i risultati raggiunti da questo programma, attraverso il quale negli ultimi 11 anni sono stati canalizzati nel bilancio statale circa 4 miliardi di dollari. La prevedibilità dell’aiuto esterno e il suo allineamento alle strategie di sviluppo definite dal Governo sono considerati elementi centrali del programma e concorrono ad una più efficiente allocazione delle risorse e a controlli più efficaci della finanza pubblica. Attraverso i numerosi meccanismi di confronto e dialogo con le autorità di governo, a livello tecnico e politico, il programma di budget support in Mozambico (che l’Italia ha presieduto nel 2013/14) contribuisce in modo determinante a migliorare la qualità della spesa pubblica in Mozambico.



Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: C:\Users\nicola.tissi\Downloads\Foto firma MoU GBS Mozambico.JPG

L’Ambasciatore Vellano (quinto da destra) con i suoi omologhi partner di Sostegno al Bilancio dello Stato e il Ministro Maleiane (quinto da sinistra).

 

 

9 settembre 2015

L’Italia alla FACIM

Dal 31 Agosto al 6 Settembre 2015 si è svolta la 51esima edizione della Fiera Internazionale di Maputo (Feira Agro-pecuária, Comercial e Industrial de Moçambique, FACIM nell’acronimo portoghese). La Fiera ha visto una significativa partecipazione da parte di attori governativi e privati italiani, coordinati dall’Istituto di Commercio Estero (ICE) dell’Ambasciata d’Italia a Maputo.

La Cooperazione Italiana è stata presente con uno stand allestito all’interno del padiglione italiano, che ha contestualmente ospitato circa 70 imprese, prevalentemente nei settori delle costruzioni, della logistica, della fornitura di materiali e di servizi di ingegneria. Il 3 Settembre, inoltre, è stato organizzato un seminario su “Il ruolo del privato profit nella cooperazione internazionale allo sviluppo”, che ha visto la partecipazione della Cooperazione Italiana e delle ONG AVSI,  Progetto Mondo MLAL e Kulima.

A fronte dell’impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti, gli organizzatori della Fiera hanno attribuito all’Italia il primo premio come “Miglior delegazione imprenditoriale partecipante”.

 

 

31 agosto 2015

Presentazione del progetto ‘Street food environment in Maputo’ a EXPO

Il 25 agosto Marcello Gelormini ha presentato a Expo (Fondazione Triulza) i risultati della ricerca condotta a Maputo sul cibo di strada nell’ambito del progetto ‘Street food environment in Maputo’ finanziato dalla Cooperazione italiana. Lo studio è il frutto di un’inchiesta condotta in alcuni quartieri di Maputo fra rivenditori informali di cibo, che ha compreso il prelievo di campioni per un’analisi in laboratorio sul valore nutrizionale dell’offerta di alimenti.

Per maggiori informazioni: sito di progetto, foto dell’evento e articolo sul sito Expo.

 

Marcello Gelormini e i suoi collaboratori alla presentazione ad Expo

 

05 agosto 2015

Cremona Executive Education Program (CEEP) – Bando per Borse di Studio

Nell'ambito del Cremona Executive Education Program (CEEP), si segnala l'apertura di un bando di concorso per borse di studio, con scadenza il 15 settembre 2015, sui temi i) Imballaggi Alimentari: Innovazione, Sicurezza e Sostenibilità e in ii) Sradicamento della povertà: strumenti e strategie per garantire l’accesso alla terra e al cibo. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito cremonafoodvalley

 

30 luglio 2015

Borse di studio – consorzio ICoN

Il Consorzio ICoN, organizzazione che comprende diciannove Università italiane e che promuove tramite il web la lingua, la cultura e l'immagine dell'Italia nel mondo, offre la possibilità a studenti stranieri di iscriversi a corsi in lingua e cultura italiana di varia natura, fra cui un Corso di laurea online in lingua e cultura italiana, per il quale sono disponibili borse di studio (scadenza 9 settembre). Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ICoN.

 

29 luglio 2015

Bando per borse di studio per dottorati all’Università di Ferrara (scadenza 15 agosto 2015)

L’Università di Ferrara ha annunciato l’apertura del bando per borse di studio per dottorati, a partire da novembre 2015. Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina apposita dell’Unife.

 

11 giugno 2015

Programma di sostegno all’Università Eduardo Mondlane – Apertura del Bando FIAM (Fundo de Investigação Aplicada Multissectorial)

Nell'ambito del programma di supporto all'Universita' Eduardo Mondlane (UEM), si segnala l'apertura di un bando di concorso per ricerca applicata e multisettoriale (FIAM), con scadenza il 31 luglio 2015. Le versioni in italiano e inglese del bando, oltre che il regolamento  del FIAM, sono qui scaricabili in formato PDF.

 

Bando – Italiano

Bando – Inglese

Regolamento FIAM - Portoghese

 

9 giugno 2015

Progetti ONG finanziati dal MAECI in Mozambico

 Il 29 maggio 2015 si è tenuta alla Farnesina la terza riunione dell’anno del Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo, presieduta dal Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Lapo Pistelli. Il Comitato ha adottato le delibere relative agli esiti dei bandi per i progetti promossi dalle Ong e per i progetti di Informazione ed Educazione allo sviluppo.

Otto le iniziative proposte dalle Ong che sono state approvate per il Mozambico, il quale si conferma Paese prioritario per il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Tra queste, quattro progetti riguardano il rafforzamento del settore primario tramite il potenziamento delle attività agro-zootecniche e della pesca (CEFA, CESVI, CESVITEM E ICEI) due il settore della formazione e dell’istruzione, sia primaria che tecnico-professionale (AVSI e Mlal), uno la tutela della salute materna e neonatale (CUAMM) e uno la promozione dei processi sociali ed economico-produttivi nell’area di Gorongosa (Terre des Hommes).

 

 

25 maggio 2015

Partecipazione Italiana alla Fiera dell’Educazione organizzata dalla Comunità Accademica per lo Sviluppo dell’Educazione (CADE)

 

Fra il 21 e 23 maggio a Maputo la Cooperazione italiana ha partecipato alla Fiera dell’Educazione organizzata dall’ONG mozambicana CADE, su iniziativa del Ministero dell’Educazione e dello Sviluppo Umano. La Fiera ha coinvolto operatori pubblici e privati, mozambicani e stranieri, con l’obiettivo avvicinare domanda e offerta di formazione professionale. Oltre a presentare materiale sulle attività bilaterali di cooperazione presenti e future nel settore dell’istruzione, la Cooperazione ha dato visibilità alle attività delle ONG AVSI, CCS e Terre des Hommes Italia, presenti anch’esse alla Fiera. L’evento, giunto alla sua quinta edizione, ha coinvolto più di cinquantamila partecipanti ed è stato inaugurato dal Ministro della Scienza, Tecnologia, Istruzione Superiore e Tecnico-Professionale Jorge Nhambiu, alla presenza dell’Ambasciatore Roberto Vellano.

 

L’Ambasciatore Vellano e il Ministro Jorge Nhambiu

 

 

14 maggio 2015

Inaugurazione delle nuove infrastrutture del Centro di Biotecnologia dell’Università Eduardo Mondlane

L’11 maggio è iniziata la settimana commemorativa del decennale della creazione del Centro di Biotecnologia dell’Università Eduardo Mondlane, nato nell’ambito della cooperazione universitaria Italia-Mozambico e ora uno dei centri di eccellenza dell’Africa Australe. Nell’ambito delle commemorazioni per il decennale sono state inaugurate le nuove infrastrutture, frutto del contributo del Governo italiano, della cooperazione finlandese e del Governo mozambicano. Il potenziamento e lo  sviluppo  del Centro è stato uno degli assi portanti della nuova strategia italiana di supporto al sistema universitario in Mozambico, caratterizzata dal forte impegno verso la ricerca avanzata interdisciplinare applicata.

All’inaugurazione delle nuove strutture, avvenuta l’11 maggio alla presenza della Vice Ministra della Scienza e Tecnologia, Istruzione Superiore e Tecnico Professionale, Leda Hugo, del Rettore dell’UEM e dei rappresentanti dei Paesi che attualmente contribuiscono alle attività del Centro (oltre all’Italia, Portogallo, Francia e Finlandia) l’Italia ha annunciato annunciare la recente approvazione della nuova iniziativa “Formazione di ricercatori e manager per le Biotecnologie dell’ambiente e della salute”, del valore di circa 807.000 Euro, che ha registrato vivo interesse e soddisfazione da parte mozambicana.

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: H:\Documenti Nicola Tissi\Foto\Foto Mauro Colombo 10anno biotecnologie\DSC00154.JPG

L’Ambasciatore Vellano (secondo da sinistra) e la Vice Ministra Hugo (sesta da sinistra) insieme ad altri partecipanti alla cerimonia.

 

13 maggio 2015

Presentazione della Cooperazione Italiana all’incontro del gruppo multidonatori ‘Development Partners Group’

Il 7 maggio 2015 l’Ambasciatore Vellano ha presentato a Maputo di fronte al DPG (Development Partners Group), le attività della cooperazione italiana in Mozambico. Il DPG è un forum comprendente tutti i Paesi partners di cooperazione presenti in Mozambico, co-presieduto dalle Nazioni Unite e dalla Banca Mondiale, che si riunisce mensilmente a Maputo. La presentazione contiene in forma sintetica dati e considerazioni su passato, presente e futuro della cooperazione italiana in Mozambico nel corso degli ultimi quarant’anni.

Presentazione

 

 

2 aprile 2015

Verso EXPO 2015

È andata in onda, mercoledì 1° aprile su RadioSapienza, la dodicesima puntata di "Verso Expo 2015", la rubrica ideata nell'ambito della collaborazione tra il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza e la Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, con l'obiettivo di far conoscere le attività delle Unità tecniche locali della Cooperazione Italiana allo Sviluppo. Attraverso le parole del Direttore dell’UTL di Maputo, Riccardo Morpurgo, sono state presentate le attività, le difficoltà incontrate, i risultati ottenuti e gli obiettivi per il futuro dell'Unità tecnica in Mozambico; Nel corso dell'intervista sono state esposte le finalità del Paese nell'ambito di Expo 2015 e la collaborazione tra l’UTL e  il commissario mozambicano per Expo2015 nel cercare di valorizzare le specificità di un Paese, il Mozambico, legato da una storica amicizia con l'Italia.

Ascolta l’intervista

 

 

 

24 febbraio 2015

INVITO DI PARTECIPAZIONE - Programma di Supporto ai Progetti Comunitari

L’Ambasciata d’Italia a Maputo

Attraverso l’Ufficio della Cooperazione Italiana promuove, nell’ambito del Programma di Supporto ai Progetti Comunitari, un concorso per il finanziamento di progetti per il valore massimo di 30.000,00 Euro. La Cooperazione Italiana riconosce, attraverso questo programma, l’importanza dei progetti di sviluppo comunitario, con particolare attenzione alle aree della sanità e dell’ educazione.

I progetti dovranno rispondere a due obiettivi:

1.             Facilitare l’interazione tra cittadini e autorità locali ;

2.             Fornire le risorse finanziarie per la realizzazione di opere volte a rispondere alle necessità di sviluppo nelle aree della sanità e dell’educazione.

Processo di candidatura

I modelli per la presentazione delle proposte di progetto e relative informazioni sono reperibili in fondo a questa pagina.

 

SARANNO PRESE IN CONSIDERAZIONE SOLTANTO LE CANDIDATURE PRESENTATE NEI FORMATI PREDISPOSTI DALLA COOPERAZIONE ITALIANA

 

LE PROPOSTE DOVRANNO ESSERE INVIATE ALL’INDIRIZZO MAIL:

papc.italia@gmail.com

Indicando come oggetto “Nome del Progetto – Programma di supporto ai progetti comunitari”.

 

IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE E’ IL 15 APRILE 2015

 

BANDO - Italiano

ALLEGATI - Italiano

 

 

 

2 febbraio 2015

Nuovo Governo

E’ stato presentato il nuovo esecutivo che governerà il Mozambico fino al 2019 in seguito alle elezioni svoltesi lo scorso ottobre e vinte dal candidato Filipe Nyusi del partito FRELIMO. Il primo ministro sarà Carlos Agostinho do Rosário. Segue una lista dei 22 ministeri e dei relativi ministri: Economia e Finanza: Adriano Afonso Maleiane; Affari Esteri e Cooperazione: Oldemiro Balói (già in carica); Agricoltura e Sicurezza Alimentare: José Pacheco; Risorse Minerarie e Energia: Pedro Conceição Couto;  Salute:  Nazira Abdula; Genere, Infanzia e Azione Sociale: Cidália Chaúque Oliveira; Educazione e Sviluppo Umano: Luís António Ferrão; Scienza, Tecnologia, Insegnamento Superiore e Tecnico-Professionale: Jorge Nhambiu; Interno:Jaime Basílio Monteiro; Difesa: Atanásio Salvador Ntumuke; Amministrazione Statale e Funzione Pubblica: Carmelita Rita Namashulua; Lavoro, Impiego e Sicurezza Sociale: Vitória Dias Diogo; Presidenza per gli Affari di Governo: Adelaide Anchia Amurane; Mare, Acque Interiori e Pesca: Agostinho Salvador Mondlane; Gioventu’ e Sport: Alberto Hawa Januário Nkutumula; Industria e Commercio: Ernesto Max Elias Tonela; Trasporti e Comunicazioni: Carlos Alberto Fortes Mesquita; Ambiente e Sviluppo Rurale: Celso Ismael Correia; Terra, Cultura e Turismo: Silva Armando Dunduru; Combattenti: Maria de Fátima Muanza Pelembe; Opere Pubbliche, Alloggio e Risorse Idriche: Eusébio Lambo Gumiwa. La Cooperazione Italiana augura buon lavoro al nuovo esecutivo, che definirà le priorità politiche per uno sviluppo umano sostenibile in Mozambico.

                                                                                         

 

 

2 febbraio 2015

Alluvioni nel centro-nord del Mozambico

La Provincie settentrionali di Zambesia, Nampula, Tete e Niassa sono state colpite da forti alluvioni nelle settimane passate. I fiumi che le attraversano e sfociano nell’oceano indiano sono esondati, lasciando migliaia di persone senza tetto e provocando più di 160 vittime. La pioggia ha inoltre provocato dissesti significativi lungo la strada nazionale N1. Ciò rende impossibile la circolazione e il trasporto di merci lungo l’unica arteria che percorre il Paese da sud a nord. A causa delle inondazioni le Provincie colpite sono rimaste senza accesso a energia elettrica, situazione che permane da settimane. Terminata da poco la fase acuta, continuano le operazioni di soccorso per i colpiti.  Al momento la priorità è la ricostruzione di alloggi e delle infrastrutture colpite e il ritorno alla normalità per le popolazioni del centro-nord del Mozambico. Le iniziative di sostegno della cooperazione internazionale sono venute da più parti: varie ONG umanitarie stanno fornendo derrate alimentari e kits di emergenza sanitaria; il vicino Sudafrica ha fornito mezzi aerei militari, truppe e personale medico per la distribuzione di cibo e l’assistenza ai colpiti; le agenzie delle Nazioni Unite nel Paese sono intervenute tempestivamente per assistere i centri di accoglienza messi a disposizione dal Governo, mentre è in corso una richiesta al  Fondo Centrale per la Risposta alle Emergenze (Central Emergency Response Fund) dell’ONU per finanziamenti aggiuntivi. Maggiori informazioni sulle iniziative delle Nazioni Unite sono disponibili sull’apposita pagina Paese.

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: foto cheias.jpg

Veduta aerea degli allagamenti, Provincia della Zambesia.

© Sapo.pt

 

 

 

14 novembre 2014

Delegazione mozambicana in Trentino: incontro con l’autonomia locale

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Trentino_10_11_2014.jpg

Si è conclusa oggi, con un incontro dedicato alle nuove opportunità di cooperazione tra Trentino e Mozambico, la visita nella nostra Provincia di un’ampia delegazione istituzionale mozambicana, organizzata da Cooperazione Italiana, che ha scelto la Provincia Autonoma di Trento per proporre un percorso formativo e di scambio particolarmente improntato sul rafforzamento delle istituzioni locali.

Leggi l’articolo

 

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Link.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Link_Amb.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_L_Coop.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Link_OI.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_Link_ONG.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_L_Portal_Gov.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_L_ODAMOZ.gif

Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Descrizione: Descrizione: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: Description: IT_L_PAPS.gif